Perché è importante ricorrere alle investigazioni patrimoniali e finanziarie in caso di due diligence

La due diligence è un’accurata indagine che ha come obiettivo quello di analizzare informazioni dettagliate in campo economico, fiscale e immobiliare prima di porre in essere un’operazione straordinaria di acquisizione o fusione aziendale (in gergo tecnico anche detta Merger & Acquisition).

Lo scopo di quest’attività è quella di prevenire future criticità derivanti dalla fretta di concludere una trattativa e portare a casa un buon affare per poi accorgersi di essersi portati a casa solo rogne.

Si ricorre alla due diligence per:

  • Verificare la fattibilità di un piano di finanza straordinaria.
  • Valutare la conformità di un bene rispetto alle leggi attualmente in vigore.
  • Controllare lo stato degli adempimenti fiscali a carico di una società.

La due diligence si distingue in:

  • Immobiliare: il cui obiettivo è quello di valutare la conformità e la congruità di un immobile o di un patrimonio immobiliare rispetto alle leggi e ai regolamenti urbanistici, il suo grado di sfruttamento e la sua utilità economica per l’azienda.
  • Legale: il cui scopo è quello di acquisire informazioni in merito alla potenziale conclusione di un affare in modo da prevenirne i rischi connessi e predisporre nel contratto (a tutela del compratore) clausole, termini e condizioni.
  • Contabile: la quale mira a ottenere informazioni di natura economica, finanziaria e patrimoniale sull’azienda oggetto delle mire del committente col fine ultimo di avere una solida base dalla quale avviare le trattative e aumentare il proprio potere negoziale.
  • Fiscale: il cui obiettivo è quello di verificare l’esattezza degli adempimenti fiscali, di controllare che siano stati assolti da parte della società target tutti gli obblighi tributari di versamento e dichiarativi previsti dalle leggi e, da ultimo, di verificare se ci siano dei carichi pendenti che possano inficiare la sicurezza dell’operazione straordinaria e il suo buon fine.

Due diligence contabile e fiscale: investigazioni patrimoniali e finanziarie

Nel caso di due diligence contabile o fiscale il ricorso alle investigazioni patrimoniali e finanziarie permette all’acquirente di evitare rischi penali (ad esempio, quelli connessi con l’esistenza di fondi neri in una società off-shore con sede in un paradiso fiscale) e passività nascoste (giacché, per esempio, si possono effettuare indagini per individuare e accertare sul piano contabile il perché di ammanchi e differenze inventariali).

Ma anche la società target può ricorrere a questo tipo di servizio, per esempio, per capire l’affidabilità economica e patrimoniale del potenziale partner o acquirente (cosa particolarmente utile in un mondo globalizzato e, a volte, poco trasparente come quello attuale).

Come vedi ci sono diversi casi in cui entrambe le parti in causa hanno interesse a occultare la verità al fine di ottenere un vantaggio economico.

Ed è per questo che assoldare un’agenzia investigativa durante un processo di acquisizione o fusione è una mossa strategica particolarmente intelligente poiché grazie al suo servizio di investigazioni patrimoniali e finanziarie può far luce su tutti quegli elementi che, una volta, firmato il contratto potrebbero fartene pentire amaramente.

In altri termini, queste indagini ti permettono di evitare che ti venga rifilata (come dicono a Roma) una “sola”, cioè un bidone.

Conclusioni

Nel caso tu stia avviando un’operazione straordinaria di Merger & Acquisition  (Fusione & Acquisizione) il ricorso a un investigatore privato per affiancare chi si sta occupando della due diligence con delle investigazioni patrimoniali e finanziarie è una mossa particolarmente saggia poiché ti permette di accendere un faro su tutti quegli elementi che, se non individuati per tempo, possono farti incorrere in sanzioni penali oppure possono caricare la tua azienda di passività contabili non previste.

 

Leggi anche la pagina Investigazioni patrimoniali e finanziarie